Cosa Vedere in Piemonte: 10 Posti da Visitare Assolutamente

Siete alla ricerca dei borghi più belli d’Italia per visitare le bellezze del Belpaese? Il Piemonte è sicuramente tra le regioni italiane più belle, con eccezionali bellezze naturali e splendidi luoghi e città d’arte.

I posti da visitare in Piemonte sono tanti e spesso molto differenti, passando dalla pianura, ai laghi e fiumi, attraverso i vigneti in collina e arrivando ai paesaggi alpini senza dimenticare che da alcune delle sue località è facilmente raggiungibile il mare della Liguria e della Costa Azzurra;

il vasto territorio regionale, il secondo d’Italia dopo la Sicilia, custodisce tre siti dichiarati patrimonio dell’umanità dall’UNESCO.

La nostra breve guida ti indicherà cosa visitare in Piemonte, in modo da farti orientare tra i posti da sogno e le tante bellezze naturali e monumentali che talvolta cambiano volto col cambiare della stagione.

Naturalmente partiremo dal suo capoluogo, la bellissima Città di Torino, che con il suo aeroporto e la linea TAV è lo snodo fondamentale per chi vuole muoversi nel Piemonte, facilmente visitabile con ogni mezzo.

Pronti a partire?continuate a leggere per andare a vedere cosa visitare in Piemonte.

Torino

Torino è sicuramente una delle città più belle e importanti d’Europa, estremamente elegante nelle sue architetture e nella sua ordinata urbanistica.

Cosa vedere a Torino? A Torino si concentrano alcuni dei monumenti e istituzioni culturali più importanti d’Italia, in continuo sviluppo e rinnovamento.

Le idee per un week end (romantico, magari) abbondano: il cuore di Torino è Piazza Castello, dove potrai visitare alcuni dei luoghi più importanti della città come il Palazzo Reale con l’annessa Galleria Sabauda, il Palazzo Madama con il Castello degli Acaja e il Teatro Regio.

Cosa Vedere in Piemonte

Alle spalle del Palazzo Reale si erge la Cattedrale di San Giovanni Battista con l’importantissima cappella della Sacra Sindone e poco distane la splendida Porta Palatina, antico e principale accesso alla città di epoca romana.

La città ospita importantissimi musei come il Museo del Cinema all’interno della Mole Antoneliana, edificio simbolo di Torino, il Museo Egizio, con una collezione seconda solo a quella de Il Cairo, il Museo del Risorgimento, nella straordinaria cornice di Palazzo Carignano o il Museo dell’Automobile, nei pressi del celebre Lingotto.

In città e nelle sue vicinanze sono presenti anche numerosi musei e fondazioni di arte moderna e contemporanea tra cui la GAM e il Castello di Rivoli.

Torino è piena di splendidi luoghi dove poter passeggiare, fare shopping e rilassarsi come Piazza San Carlo e Piazza Vittorio Veneto collegate da Via Roma e Via Po, oppure il Parco del Valentino.

Tra le aree più vive e popolari c’è il grande mercato di Porta Palazzo e i Murazzi lungo il Po, luogo della movida soprattutto durante la bella stagione.

Per approfondire, consigliamo di leggere la guida completa su Cosa Vedere a Torino.

Ora voltiamo pagina!

Residenze Sabaude

Il punto di partenza del complesso delle Residenze Sabaude è il 1562 anno in cui il duca Emanuele Filiberto di Savoia, dopo la Pace di Cateau-Cambrésis scelse Torino come capitale del Ducato e in seguito Regno di Sardegna.

Ha inizio quindi nel XVI sec. il rifacimento di antichi castelli e l’edificazione di nuove eleganti residenze e delizie nelle campagne che circondano la città di Torino.

Nel 1997 diverse residenze reali sono state inserite nei siti Patrimonio Mondiale dell’Umanità dell’UNESCO, scelta motivata dalla particolarità degli edifici che fondono lo stile manierista e il superbo barocco piemontese.

Tra le tante residenze fuori dal centro cittadino ti consigliamo di visitare la Reggia di Venaria, la Palazzina di caccia di Stupinigi, il Castello di Moncalieri e Castello Reale di Racconigi.

La Sacra di San Michele e la Val di Susa

I posti da visitare in Piemonte sono tantissimi.

Posta a circa 40 km da Torino a guardia dell’imbocco della Val Susa, la Sacra di San Michele è uno dei simboli del Piemonte: la sua importanza è legata soprattutto al transito di pellegrini che passavano dalla Francia all’Italia attraverso il passo del Moncenisio e del Monginevro.

Sacra di San Michele

L’Abbazia fu fondata verso la fine del X sec. in epoca Longobarda su preesistenze molto più antiche e ampliata nel corso dei secoli, raggiungendo nel XII sec. l’attuale scenografico e maestoso aspetto che fonde il romanico e il gotico. Dall’Abbazia ti potrai inoltrare nella Val di Susa, che da secoli è una porta verso la Francia.

Percorrendo quella che un tempo l’antica Via Francigena incontrerai i laghi di Avigliana e interessanti borghi, castelli e abbazie come l’importante Abbazia della Novalesa; l’importante luogo religioso benedettino dedicato ai Santi Pietro e Andrea fu fondato nell’VIII sec. e conserva una dei più importanti cicli d’affreschi dell’XI sec. dedicati ai Santi Eldrado e Nicola.

La Val di Susa è fondamentale anche per lo sci in Piemonte; ha alcune tra le più importanti località sciistiche d’Italia come ad esempio Sestriere, Bardonecchia e Sauze d’Oulx.

I Sacri Monti: Orta San Giulio e il Santuario di Oropa

Nel 2003 l’UNESCO ha iscritto nella lista dei siti patrimonio dell’umanità alcuni tra i luoghi più suggestivi dell’arco alpino: i Sacri Monti del Piemonte e della Lombardia sono una serie di luoghi della devozione popolare di grande interesse religioso, artistico e antropologico.

Tra i più affascinanti in Piemonte cosa troviamo sicuramente Lago d’Orta: cosa vedere?

Il Sacro Monte di Orta ospita il santuario edificato nel XVI sec., che domina il borgo di Orta San Giulio; il luogo gode di una splendida vista sul Lago d’Orta e sull’Isola di San Giulio, amena località turistica perfetta per un weekend romantico in Piemonte grazie anche alle sue splendide strutture ricettive, come la famosa Villa Crespi.

lago d'Orta

Altro spettacolare monte sacro è il Santuario di Oropa, a pochi chilometri da Biella; il santuario è dedicato alla Madonna Nera ed è circondato dal bellissimo paesaggio alpino con sentieri tra boschi e laghi d’altura.

Idee week end: il Lago Maggiore

I borghi d’Italia e i luoghi degni di menzione non sono ancora finiti. Il versante Piemontese del Lago Maggiore è sicuramente da visitare sia per il paesaggio spettacolare che per le sue belle cittadine, cornice perfetta per un weekend romantico in Piemonte: cosa vedere?

Appena arriverai al Lago Maggiore, la prima tappa che ti consigliamo è Arona. Arona è una bellissima città in Provincia di Novara, rinomata località turistica per la quiete e l’amenità del luogo.

Potrai visitare il Sacro Monte di Arona con il famoso San Carlone, il Colosso di San Carlo Borromeo, uno straordinario monumento in rame secondo per grandezza solo alla Statua della Libertà, visitabile all’interno e da cui si gode di uno spettacolare paesaggio.

Percorrendo verso nord la strada costiera raggiungi Stresa, cittadina elegante e ricca di attività culturali e di bellezze naturali come le affascinanti Isole Borromee, con lo stupendo Palazzo Borromeo, e la funivia che conduce agli impianti sciistici.

La strada lungo il lago continua, attraversando splendidi borghi costieri e fino ad arrivare in Svizzera, nella città di Locarno.

Ivrea

Attraversando le belle terre del Canavese si giunge a Ivrea, città alle porte della Valle d’Aosta bagnata dalla Dora Baltea e caratterizzata da due importanti aree: il centro storico e l’area moderna.

Il centro storico è di grande fascino, dominato dal possente Castello dalle rosse torri in mattoni con ai suoi piedi la Cattedrale di Santa Maria Assunta. 

La cittadina ha come cuore l’elegante Via Palestro, dove potrai fare shopping nei tanti negozi o fermarti nei caffè storici, e collega la bella Piazza Nazionale sede del Palazzo Comunale e la grande Piazza Ottinetti, con il Museo Civico P.A. Garda.

La parte moderna della città di Ivrea è legata soprattutto allo sviluppo della famosa azienda Olivetti, con edifici di importanti architetti contemporanei e un modello di sviluppo socio-economico ammirato in tutto il mondo.

Acqui Terme

Tra i posti più belli d’Italia da visitare in Piemonte non può mancare Acqui Terme: la città ha origini antichissime e già in epoca romana era famosa per le sue Terme, tra le più importanti dell’impero.

Acqui Terme

Il centro della città e molto accogliente, con ottimi ristoranti e alberghi, belle piazze e monumenti; tra i luoghi da visitare ad Acqui Terme c’è la Cattedrale di Santa Maria Assunta di origine medievale e il Museo Archeologico.

Il simbolo della città di Acqui Terme e però La Bollente, una sorgente di acqua calda a 74,5° che sgorga nel cuore della città e racchiusa da una bella copertura in marmo.

Altri importanti resti antichi sono quelli dell’acquedotto romano. La città offre un’ampia scelta di spa e stabilimenti termali per bagni e trattamenti a scopo curativo, di bellezza e di relax.

I vigneti del Piemonte: le Langhe, Roero e il Monferrato

In Piemonte tra le cose da vedere non possono mancare le distese di vigneti che producono alcuni dei vini più apprezzati al mondo, uno spettacolare paesaggio fatto di colline solcate da migliaia di filare che cambiano colore a seconda delle stagioni.

Tra i tanti paesaggi vitivinicoli della regione, quello delle Langhe, Roero e del Monferrato sono stati iscritti dall’UNESCO tra i patrimoni dell’umanità.

L’area si estende tra le Province di Alessandria, Asti e Cuneo, e oltre ai paesaggi custodisce tradizioni e prodotti dall’antica e importante storia nati dall’eccezionale connubio tra uomo e natura.

Nei territori delle Langhe, Roero e Monferrato si coltivano viti di Barbera, Moscato Bianco e Nebbiolo da cui si producono vini eccezionali come il Barbera, il Nebbiolo, il Barolo, l’Asti Spumante, il Barbaresco e altre varietà.

Cuneo

Il capoluogo della Granda, la provincia più estesa d’Italia, è il cuore di un territorio di eccezionale bellezza e varietà, con città dal grande fascino e antiche tradizioni e dove il buon cibo è all’ordine del giorno.

La città di Cuneo un bel centro storico che ha inizio nella enorme ed elegante Piazza Galimberti e prosegue ai lati dei portici di Via Roma con angoli molto suggestivi come ad esempio Borgo Mondovì, con ottimi ristoranti, botteghe e locali.

Da Cuneo si può partire per spettacolari escursioni nelle valli e aree alpine che la circondano come Valle Stura con il Santuario di Sant’Anna di Vinadio, la Val Maira o il Valico del Colle di Tenda con l’importante località sciistica di Limone Piemonte.

Altre destinazioni da vedere in Piemonte in Provincia di Cuneo sono Mondovì con il vicino Santuario di Vicoforte, Alba città del tartufo e sede della Ferrero, e i tanti borghi e castelli che punteggiano il suo territorio.

Saluzzo e il Monviso

Tra le città da vedere in Piemonte c’è sicuramente anche Saluzzo, capitale dello storico Marchesato che per secoli ha conteso ai Savoia il possesso del Piemonte.

Saluzzo conserva uno splendido centro storico caratterizzato dai portici sotto i quali troverai ottimi ristoranti e locali con il meglio della gastronomia piemontese; interessanti anche i monumenti da vedere a Saluzzo come la Cattedrale di Maria Vergine Assunta, la Castiglia, palazzo fortificato dei Marchesi e la Torre Civica e Casa Cavassa, residenza rinascimentale.

Saluzzo è la porta per il Monviso, una delle montagne più alte d’Europa, facilmente riconoscibile per la sua vetta a forma di piramide che spicca nettamente sugli altri monti.

La strada verso le pendici del Monviso attraverso belle località montane che a seconda della stagioni si prestano alle escursioni e allo sci, giungendo infine a Pian del Re, posto straordinario dove potrai seguire i sentieri che portano alla sorgente del Po.

Cosa mangiare in Piemonte?

La buona cucina è di casa in Piemonte, con oltre 300 prodotti tradizionali riconosciuti nel suo territorio, in particolare formaggi e carne, ingredienti di una cucina robusta e saporita.

Il piatto regionale più conosciuto è sicuramente la bagna cauda, salsa a brodo caldo di aglio, olio e acciughe in cui si intingono verdure cotte e crude.

Molte sono le paste tipiche tra cui gli agnolotti al brasato, i tajarin al tartufo, gli gnocchi al Castelmagno, i Plin e tantissimi risotti, essendo il Piemonte uno dei maggiori produttori di riso per quantità e soprattutto qualità.

Le carni sono molto apprezzate, in particolare con la razza bovina Fassona; molte le ricette tra cui il battuto di carne cruda, il vitello tonnato, il brasato al barolo e altri piatti con varietà di carni molto diverse e insolite.

Tartufi, in particolare quelli di Alba, e funghi arricchiscono molte ricette. Il Piemonte è famoso per i suoi formaggi, di tantissime varietà come la Toma, il Castelmagno, il Gorgonzola, la Robiola, il Bra, la Raschera e tanti altri.

Passando al dolce, non potrai lasciare il Piemonte senza aver assaggiato le sue cioccolate e in particolare i gianduiotti e i cuneesi al rum, continuando poi con i baci di dama, i canestrelli, le torte di castagne e i torroni con le nocciole.

I vini, infine, sono una delle eccellenze piemontesi, tra i migliori al mondo; numerosissime le varietà di vini, tra i vini rossi il Barbera, il Barolo,  il Nebbiolo, il Barbaresco,  il Dolcetto, e tanti altri, mentre per i vini bianchi il Moscato, il Cortese, lo Chardonnay e l’Asti spumante.

Leggi Anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *