Rimborso Alitalia: Come Annullare un Volo

Se state per volare, vorrete sapere tutte le informazioni circa le migliori compagnie aeree, tra cui troviamo Alitalia : assicurazione, peso bagli, rimborso Alitalia

Chi non è abituato a volare con Alitalia o chi ha avuto la fortuna di non incontrare qualche intoppo nel proprio viaggio si sarà certamente chiesto come comportarsi in caso di ritardo dell’aeroplano, in caso di cancellazione del volo (per sciopero oppure per maltempo) o se, per motivazioni personali, non si potesse più partire.

In questi casi o in qualunque altra situazione possa portarci ad annullare il nostro volo, è possibile richiedere  un rimborso del biglietto oppure il denaro investito in quel titolo di viaggio è perso per sempre?

Nel nostro articolo affrontiamo proprio questo discorso, spiegandovi come muovervi per inoltrare alla compagnia aerea italiana la richiesta per un rimborso del biglietto che, per un motivo o per un altro, non avete potuto sfruttare.

Rimborso Alitalia: è possibile chiederlo?

Sappiamo tutti quanti che Alitalia rappresenta la principale compagnia di bandiera italiana: la sua sede è a Roma ed essa possiede più di 120 aeromobili.

Alitalia opera su 108 destinazioni, che si trovano sia in Europa, che nel Nord America che in Medio Oriente. Si tratta di una compagnia di volo che, a partire dall’anno 2009, è diventata una società privata al 100%, in quanto ha assorbito il personale e anche le infrastrutture di Alitalia e di Air One. A partire dal 2015, invece, nel capitale di Alitalia è subentrata una compagnia di bandiera degli Emirati Arabi Uniti, ossia Etihad Airways.

Si tratta, dunque, di una grossa società: nonostante questo è possibile che vi sia qualche inconveniente nella gestione dei voli e nella puntualità dei mezzi.

Come comportarsi se il disagio arrecato è tale da rendere inutilizzabile il biglietto? È possibile richiedere il rimborso del biglietto, così come è possibile fare lo stesso con compagnie di volo low cost (tra cui troviamo Ryanair). Quindi se vi trovate in una delle situazioni di disagio più o meno comuni (ritardo, overbookig, cancellazione del volo e così via) potete stare tranquilli: sarete rimborsati.

Voltiamo pagina per proseguire!

Ecco come ottenere il rimborso del biglietto aereo Alitalia

Qualora il passeggero si trovasse di fronte ad una situazione di disagio, cosa che avviene anche ad altre compagnie come abbiamo visto per il rimborso Ryanair, come un ritardo del volo prenotato, la cancellazione dello stesso, un caso di negato imbarco per overbooking (fenomeno che si verifica quando vi è un’eccedenza di prenotazioni rispetto alle disponibilità effettive di posti a sedere), allora Alitalia prevede una serie di misure volte al risarcimento nei confronti dei passeggeri che hanno acquistato un regolare biglietto.

Come richiederlo? Il rimborso del biglietto aereo in questione è previsto entro e non oltre sette giorni e viene versato sia in contanti, che attraverso un bonifico bancario elettronico, sia tramite un versamento o un assegno, oppure attraverso l’erogazione di altri servizi concordati con il passeggero.

Cosa si intende con il termine un “altro servizio”? In poche parole la compagnia di volo, in alternativa al rimborso economico del volo, può proporre ai suoi passeggeri un volo alternativo che conduce alla destinazione finale prestabilita con il viaggio mancato. Oppure, Alitalia potrebbe proporre lo stesso viaggio ma in data differente. Insomma, vi sono davvero molti modi per evitare di perdere il denaro perduto con l’acquisto di un titolo di viaggio non sfruttato.

Per quanto riguarda il destinatario del risarcimento di cui stiamo parlando, ne ha diritto soltanto l’intestatario del biglietto stesso oppure il soggetto che ha effettuato il pagamento. Uno di questi soggetti deve inoltrare la richiesta di rimborso biglietto Alitalia alla compagnia stessa attraverso l’apposito modulo di risarcimento che si trova online oppure attraverso il contatto diretto con il centro di assistenza. Il rimborso del titolo di viaggio non sfruttato di Alitalia è valido fino a 30 giorni dopo la data di scadenza del biglietto stesso.

Assistenza al cliente in caso di cancellazione o ritardo del volo

Oltre ad avere il diritto al rimborso, il cliente riceve assistenza in loco qualora il suo viaggio fosse in ritardo o fosse stato soppresso: infatti la compagnia aerea è tenuta a garantire ai passeggeri che si trovino in tali situazioni assistenza a titolo gratuito.

L’assistenza al cliente prevede quindi la fornitura di pasti e bevande in relazione alla dura dell’attesa e l’effettuazione/invio di due chiamate telefoniche o messaggi via fax o e-mail. I passeggeri vengono, dove serve, sistemati in hotel a spese di Alitalia e anche il trasferimento dall’aeroporto al luogo di sistemazione è pagata dalla compagnia.

Inoltre se al passeggero non è stato comunicato nulla circa il ritardo del suo volo, allora la compagnia deve corrispondere al passeggero un risarcimento pecuniariao di 250 euro per le tratte aeree pari o inferiori a 1500 km, di 400 euro per i voli intracomunitari superiori o compresi tra 1500 km e 3500 km, oppure 600 euro per tutte le altre tratte aeree non comprese nelle voci appena citate.

Come contattare Alitalia in caso di rimborso volo

Dunque, come fare a contattare Alitalia per ottenere il rimborso del vostro volo mancato? Se volete telefonare al conctat center del servizio clienti potete chiamare dall’Italia il numero verde 892010, dall’estero il +39 06 65649.

Se vi serve parlare con un operatore per il rimborso delle sole tasse e diritti aeroportuali relativi a biglietti con tariffa non rimborsabile, il numero da contattare è lo 06 65640.

Se invece volete compilare i moduli online per avere informazioni sullo stato del vostro volo  potete recarvi sul sito www.alitalia.it.

Annullare un volo Alitalia per motivi personali: richiedere il rimborso

Se vi trovate nella situazione in cui non potete partire non per la cancellazione di un volo o per un suo ritardo, ma per problemi personali, ecco come dovete comportarvi.  Per i voli nazionali è possibile mantenere la validità del biglietto per voli successivi, ma tale richiesta può essere accolta da Alitalia soltanto dietro comunicazione attraverso il numero verde +39 06 65640, digitando il tasto 4.

La domanda va presentata tempestivamente, entro 24 ore successive all’orario di partenza del volo di andata inutilizzato. Nel caso in cui l’orario di partenza del volo di ritorno sia entro le 24 ore dall’andata, la comunicazione al centralino deve essere fatta almeno 2 ore prima della partenza.

In caso di volo internazionale, invece, prorogare la validità del biglietto si può fare se il passeggero è stato colpito da una malattia dimostrata da idoneo certificato medico ospedaliero, in caso di lutto per la morte di un parente di primo grado, di coniuge o del convivente, comprovata da certificato di morte oppure a causa del dovere di adempiere obblighi imposti dall’autorità giudiziaria o di forze di polizia successivamente all’acquisto del biglietto, comprovata da copia delle decisioni adottate da tali autorità.

Tali casi vanno comunicati ad Alitalia almeno 2 ore prima della partenza del volo, tramite una chiamata al numero +39 06 65640, digitando il tasto 2, opzione 4. Per quanto riguarda l’invio della documentazione, essa va inviata via fax al numero 0230 134 136, entro 48 ore dalla chiamata.

Leggi Anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *