Rimborso Italo e Trenitalia: Come Farsi Rimborsare il Biglietto del Treno

Viaggiare in treno è sicuramente una comodità, soprattutto quando si tratta di treni ad alta velocità come quelli forniti dalla compagnia Italo o da Trenitalia, i quali permettono di raggiungere luoghi lontani in tempo molto breve, sia per viaggio che per piacere. Tuttavia capita frequentemente di dover sopportare ritardi dei convogli, se non soppressioni delle corse stesse dovuti ad eventi particolari come uno sciopero o calamità naturali.

Cosa fare dunque se abbiamo intenzione di chiedere il rimborso del biglietto Italo? Come funziona invece per Freccia Rossa, Freccia Argento o Freccia Bianca di Trenitalia? Conviene procedere al cambio biglietto o chiedere la restituzione del denaro? Si può sempre fare richiesta/reclamo per il ritardo oppure esso deve superare un certo margine di tempo?

Nei prossimi paragrafi trattiamo proprio questo argomento spinoso e cerchiamo di capire come avere il rimborso del biglietto del treno.

Si tratta di una situazione purtroppo molto frequente nella quotidianità del nostro Paese dove spesso scioperi, ritardi e disservizi vari rallentano le ferrovie unitamente all’inefficienza di trasporti e dei tracciati che, in alcune regioni, vedono milioni di pendolari costretti spesso a lunghe attese e disagi.

Quando è possibile richiedere un rimborso ad Italo Treno

La nascita della compagnia di trasporti Nuovo Trasporto Viaggiatori (Ntv), ossia la concessionaria per l’alta velocità del servizio offerto proprio da Italo, ha permesso di rilevare da subito i primissimi risultati legati all’elemento “concorrenza”, sia sui prezzi, che sulla qualità dei servizi, che sulla trasparenza in fatto di rimborso di biglietto per mancata o ritardata erogazione del servizio pagato.

Infatti l’avvento di Italo Treno ha portato anche la nota azienda Trenitalia a modificare il regolamento legato alle modalità di rimborso: in che modo? Fino a poco tempo fa Trenitalia permetteva di inoltrare tale richiesta ed averne diritto in seguito a tempi molto più lunghi di quelli attuali.

Non solo: ora chi viaggia sfruttando le Frecce ha la possibilità di ottenere il reintegro parziale della spesa qualora si verificasse un ritardo del viaggio superiore ai 30 minuti.

La differenza è notevole: fino a pochi mesi fa i viaggiatori delle Frecce avevano modo di vedersi riconosciuto legato al ritardo della corsa soltanto passata l’ora di tempo (60 minuti).  Vediamo nel dettaglio le differenze tra le due compagnie di trasporto.

Rimborso del biglietto di Italo: quando è concesso?

Sulla base di quanto detto sinora si suppone che il rimborso sia dunque permesso: ma quando spetta e come richiedere il rimborso del biglietto di un viaggio Ntv? Se il vostro treno ad alta velocità Italo è in ritardo, eccovi le tempistiche da tenere a mente: per un ritardo da 60 a 119 minuti il risarcimento è pari al 25% del prezzo del titolo acquistato e non sfruttato come previsto.

Se invece il ritardo è pari o superiore a 120 minuti allora il risarcimento è pari al 50% del costo del titolo di viaggio.

Come fare per richiedere l’indennizzo a titolo di rimborso?

Il passeggero che ha subito il danno riceve una e mail contenente un codice da utilizzare per acquistare un altro biglietto, oppure per ottenere la monetizzazione dello stesso prezzo presso un qualunque sportello di Casa Italo.

Non è quindi necessario inoltrare nessuna richiesta alla compagnia, in quanto tale e mail viene inviata in automatico allo scattare dei tempi di ritardo sopracitati.

Ovviamente, nel momento in cui si acquista un biglietto di un tav di Italo è consigliabile fornire un indirizzo di posta elettronica, in modo da poter eventualmente essere contattati e riceve il codice di rimborso.

Italo mette comunque a disposizione dei suoi passeggeri la possibilità di utilizzare con i soldi del biglietto pagato dei mezzi di trasporto sostitutivi in caso di soppressione della corsa.

In questo caso il cliente ha diritto al rimborso sia dei pasti che del taxi o delle spese di pernottamento qualora non si possa partire in alcun modo.

Il rimborso di qualunque spesa è prevista entro 30 giorni di tempo dalla presentazione della domanda.

Quali sono i tempi previsti da Trenitalia?

Vogliamo dedicare un paragrafo anche alle modalità di risarcimento offerte da Trenitalia nei casi di ritardo delle corse.

Coloro che viaggiano sulle Frecce (Frecciarossa, Frecciargento e Frecciabianca) possono fare richiesta di rimborso parziale del biglietto nei casi che vi elenchiamo: se il tempo di ritardo è compreso tra i 30 e i 59 minuti allora si può fare domanda per ottenere un rimborso pari al 25% del costo del biglietto.

L’indennizzo viene concesso tramite l’emissione di un bonus di pari valore che va adoperato per acquistare un altro biglietto.

Anche nel caso i cui il ritardo fosse compreso tra i 60 minuti e i 119 minuti il risarcimento sarà del 25% del costo del biglietto.

Tale cifra però può essere sfruttata diversamente rispetti al caso di prima: il passeggero può sia riscuotere un bonus in contanti, sia vedere la cifra riaccreditata sulla carta utilizzata per il pagamento.

Infine se il ritardo supera o raggiunge i 120 minuti: il cliente può ottenere il rimborso del 50% del costo del biglietto, attraverso un bonus, anche stavolta in contanti o in accredito sulla carta del passeggero.

Rimborso Italo per la mancata partenza e per sciopero

Capita che, per un motivo o per un altro, il passeggero non possa partire. Come fare allora? Se il motivo per cui potrebbe interessarvi un rimborso è la mancata partenza, allora potete ottenere il rimborso del titolo di viaggio acquistato con una detrazione del 20%.

Attenzione però: questa procedura non sempre è prevista, per cui, al momento dell’acquisto, vi conviene informarvi sulle possibilità di eventuale risarcimento della spesa qualora per motivi imprevisti non possiate partire. Naturalmente non è prevista nessuna decurtazione nei casi di ritardo del convoglio o nei casi di soppressione della corsa.

In caso di sciopero della compagnia le modalità per richiedere il rimborso sono le stesse previste dal paragrafo di questo articolo dedicato ai casi di soppressione e ritardo del treno.

Come richiedere il rimborso a Ntv Italo

Quando il cliente deve mobilitarsi per richiedere un rimborso, egli deve effettuare la richiesta attraversi il Conctact Center, così da vedersi erogare il credito sul Borsellino Italo Più o su Credito Italo.

Per gli  importi al di sopra dei 4 euro il rimborso va richiesto entro i 30 giorni dal viaggio per cui si è verificato il problema. Il numero da chiamare è il 060708.

Vi ricordiamo però che, in caso di ritardo del convoglio, se avete lasciato il vostro indirizzo di posta elettronica alla compagnia durante l’acquisto, la cifra vi verrà automaticamente riconosciuta attraverso una e mail, senza bisogno che effettuiate nessuna richiesta, come può avvenire in caso di sciopero o se non potete sfruttare la vostra corsa a causa di problemi personali.

Ora che vi abbiamo spiegato come ottenere i rimborsi vi auguriamo di non averne bisogno e di fare buon viaggio!

Leggi Anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *