Lago di Como: Cosa Vedere Assolutamente

Hai voglia di visitare il Lago di Como, cosa vedere? Il Lago che già Alessandro Manzoni decantò nei Promessi Sposi è meta di molti turisti da ogni parte del mondo, tra cui personaggi famosi come George Clooney che sul Lago di Como trascorre lunghi soggiorni in una delle residenze da favola.

Il motivo di questa scelta è semplice: il lago è davvero stupendo, con belle cittadine e borghi dove si respira aria buona e tanta tranquillità; le graziose spiagge del Lago di Como con acque fresche aiutano a rilassarsi soprattutto nei periodi estivi e hanno un contorno di boschi e monti che in ogni stagione regalano colori e sensazioni diverse, rendendolo uno dei luoghi da visitare in Lombardia e creando la location ideale per alcuni dei borghi più belli d’Italia.

Lago di Como

La sua bellezza è dovuta al particolare aspetto del bacino d’acqua che forma il Lago di Como, diviso nei famosi rami che terminano con le belle città di Come e Lecco; da lungo tempo è considerato il mare di Milano, città non molto lontana dalle sue sponde, ideale per un fine settimana romantico e di relax.

Sei pronto ad esplorare il Lago di Como, cosa vedere? Continua a leggere, inizia la scoperta.

Como

La città che da il nome al lago è sicuramente una tappa da cui partire per il tuo itinerario sul Lago di Como. L’antica storia di Como è legata sicuramente alla vicinanza con la Svizzera e il Lago di Lugano, luogo da sempre di attraversamento delle Alpi.

Cosa vedere a Como? Certamente tra i posti da visitare in Lombardia, il suo centro storico, dalla forma regolare,  conserva alcune antiche architetture come alcuni resti delle mura e torri romane e medievali e il Duomo di Como, iniziato in stile gotico ma con una splendida cupola barocca del grande architetto Filippo Juvarra.

Duomo di Como

Altra chiesa importante è quella di Sant’Abbondio, patrono della città, e la Basilica di San Fedele.

Nel centro ci sono molti edifici interessanti come il Palazzo Broletto, l’antico comune e tante opere di architettura moderna come la Casa Giuliani Frigerio, l’ex Casa del Fascio, il Monumento ai Caduti e Novocomum, progettati  durante il ventennio fascista dall’architetto Giuseppe Terragni.

Da visitare è il Tempio Voltiano, il museo dedicato ad Alessandro Volta, circondato da uno splendido parco.

Poco fuori dal centro sorge il Castello Baradello, costruito nel 1159 da Federico Barbarossa su un’altura che domina la città, e Villa Olmo, sulla riva del lago. Molto interessante è la visita al Museo della Seta, dedicato ad una delle attività che nel passato ha reso celebre e prospera la città di Como.

Da non perdere la festa e la fiera di Sant’Abbondio il 31 agosto. Una curiosità: ogni giorno alle ore 12 sentirai uno sparo di cannone provenire dal colle di Brunate, è  la famosa Cannonata che si ripete dal 1912.

Voltiamo pagina per continuare la visita!

Brunate

Grazie alla ottocentesca funicolare di Brunate, con una spettacolare risalita panoramica in pochi minuti passerai da Como al grazioso borgo di Brunate; il centro sorge in una posizione privilegiata sul lago, tanto da essere chiamato il balcone delle Alpi per la sua splendida vista.

Brunate

Brunate è conosciuto in particolare per la presenza di molte ville di gusto eclettico e liberty. Il centro storico di Brunate è fatto da stradine a gradoni che salgono lungo il versante dell’altura e sono attraversate dalla strada principale.

Nel centro ci sono antichi edifici con caratteristici portali in pietra e numerose corti. Le corti più importanti sono quella dell’antico Castello di Brunate e la corte degli Ebrei, realizzata nel XIV secolo.

Uscendo dalla corte degli Ebrei, in una piccolo largo troverai la cosiddetta Cappelletta dedicata alla Madonna di Pompei. Monumento singolare è il Faro Voltiano, da cui godrai di un panorama mozzafiato sul versante del Lago di Como.

Cernobbio

Cernobbio nasce come piccolo centro intorno ad un convento femminile del XII secolo, appunto un Cenobio.

Cernobbio

Attualmente è una delle più raffinate mete turistiche del lago di Como, un tipico borgo con un piccolo centro storico.

L’area è ricca di importati e bellissime ville immerse nel verde, tra cui Villa Erba, famoso centro congressuale-espositivo, Villa d’Este, splendido hotel, Villa Fontanelle  e Villa Bernasconi, di gusto liberty.

Le viuzze del borgo arrivano a Piazza del Risorgimento, luminoso largo che si affaccia direttamente sul Lago di Como e sul porticciolo da cui è possibile imbarcarsi per le altre località.

Isola Comacina

L’isoletta è uno dei punti più suggestivi del lago di Como, con diverse storie da raccontare. Dopo vari passaggi di proprietà, oggi l’isola è proprietà dell’Accademia di belle arti di Brera a Milano.

Isola Comacina

L’isola Comacina è famosa per essere l’area più a nord d’Italia coltivata a ulivo. La sua storia è antichissima, alcuni monumenti e resti archeologici di varie epoche sono la testimonianza del suo passato.

L’isola ha fatto da cornice a numerose battaglie tra cui la più significativa nel 1169 quando Federico Barbarossa rase al suolo tutti i suoi edifici.

Oggi le uniche costruzioni dell’isolotto sono la Chiesa di San Giovanni e la caratteristica Locanda dell’Isola Comacina, un bel ristorante dove potrei assaggiare le migliori specialità del Lago di Como immerso in una spettacolare natura.

Villa Balbianello e Villa Carlotta a Tramezzo

Lago di Como: cosa vedere assolutamente?  sicuramente le cose da vedere sono tante ma la sue fastose dimore come Villa del Balbianello e Villa Carlotta sono tra le mete più affascinanti da visitare.

La Villa del Balbianello si erge sulla punta della bellissima penisola di Lavedo, e attualmente è proprietà del Fondo Italiano per l’Ambiente.

Villa del Balbianello

La villa del Balbianello, costruita nel settecento ma rinnovata di recente dopo un lungo abbandono, ha un bellissimo parco panoramico su uno dei tratti più belli del Lago di Como. All’interno oltre ad arredi d’epoca potrai ammirare i cimeli di viaggio di Guido Monzino, importante esploratore del novecento.

Villa Carlotta, nei pressi di Tramezzo, ha le sembianze di una vera e propria reggia; affaccia in maniera scenografica sul lago ed è circondata da un grande parco con orto botanico che custodisce rare specie vegetali.

 

All’interno di Villa Carlotta potrai ammirare i capolavori artistici della collezione iniziata nel XIX sec. da Gian Battista Sommariva, nobile a stretto contatto con Napoleone.

Bellagio

Bellagio sorge in una delle posizioni più suggestive del Lago di Como, la punta della penisola che divide il Lago in due rami.

Bellagio

La città di Bellagio è immersa nel verde, tra boschi parchi e giardini, molti pertinenti alle bellissime ville che la punteggiano.

Il centro è molto curato e accogliente, con viottoli che attraversano l’abitato e che arrivano sulle rive del Lago dove durante la bella stagione potrai addirittura fare il bagno, o passeggiare godendo della sua quiete.

Cosa vedere a Bellagio? Tra i luoghi più affascinanti di Bellagio c’è sicuramente Punta Spartivento, il punto dove i due rami del lago diventano uno solo.

Bellagio lago di Como

Tra le cose da vedere a Bellagio ci sono due splendide dimore: Villa Melzi d’Eril, con i suoi reperti archeologici ha accolto importanti personaggi come Stendhal e Liszt, e Villa Serbelloni, attualmente proprietà della Fondazione Rockefeller di New York che vi organizza esposizioni e attività culturali.

Menaggio

Menaggio è tra le città più grandi del Lago di Como, una particolare posizione che oltre ad essere di grande fascino è poco distante dal Lago di Lugano, in Svizzera.Menaggio

Menaggio ha una lunga tradizione turistica, con alcuni trai i migliori Hotel del Lago di Como e accoglienti ristoranti per tutte le tasche.

 

Da Menaggio è possibile imbarcarsi per raggiungere in barca tanti centri del Lago, partire per escursioni sui tanti percorsi da trekking che la circondano oppure fare il bagno nelle sue spiagge, tra le più accoglienti del lago, tutti fattori che la rendono il luogo di villeggiatura ideale per un soggiorno di durata media o lunga.

Lecco

Lecco è la seconda città per importanza del Lago, dal 1995 capoluogo di provincia, e da il nome alla sua porzione di lago.

Il suo aspetto risente molto del periodo ottocentesco quando la città fu sotto il controllo austriaco che le diedero gran parte della sua immagine neoclassica.

Lecco ispirò Alessandro Manzoni  che qui visse e di seguito ambientò parte de I Promessi Sposi; molti sono i  famosi luoghi manzoniani come la Chiesa di Don Abbondio, il Convento di Fra Cristoforo, la casa di Lucia ad Olate oltre al Museo Civico Manzoniano nella villa dove lo scrittore trascorse la sua infanzia.

Lecco

Cosa vedere a Lecco? Il centro storico conserva numerosi importanti edifici come la  Basilica di San Nicolò con i particolare campanile, il Palazzo delle Paure, il ponte medievale Azzone Visconti, il Palazzo Bovara attuale sede del municipio, le mura medievali e la Torre Viscontea oltre a numerosi monumenti a uomini illustri e il Castello dell’Innominato ai confini della città.

I punti principali del centro storico sono le animate Piazza Era e Piazza XX settembre dove troverai locali e negozi.

Molte sono le feste e gli eventi, tra cui il Carnevalone di Lecco, il corteo manzoniano e tante altre feste religiose e sagre. Lecco è sicuramente tra i posti da visitare in Lombardia.

Varenna

Varenna è tra i borghi più caratteristici del lago, costruito su un piccolo promontorio  di fronte a Bellagio, nel ramo del Lago di Lecco.

Varenna

Oltre a passeggiare in totale quiete sulle rive del Lago, non mancano altri monumenti e cose da vedere a Varenna; le attrazioni più famose sella cittadina sono sicuramente Villa Monastero, una casa museo sede della scuola estiva di Fisica, e il Castello di Vezio, che domina Varenna con le sue possenti strutture dal 1100.

Molto suggestiva è la cerimonia del 24 giugno che ogni anno si ricorda la fuga degli abitanti della distrutta Isola Comacina e l’accoglienza dei varennesi nel 1169; durante la festa di San Giovanni il lago viene rischiarato da una miriade di lumini galleggianti che ricordano le anime dei Comacini fuggiti e accolti a Varenna, dove diedero vita al quartiere di Insula Nova.

Le spiagge del Lago di Como

Il Lago di Como è da tempo considerato il mare dei milanesi e le sue coste, a tratti, presentano delle graziose spiagge ideali anche per il turismo balneare nei mesi più caldi.

Spiagge lago di Como

Gran parte dei centri hanno dei lidi non sempre liberi ma spesso con ottimi stabilimenti attrezzati per la balneazione nei mesi estivi, molto apprezzati da tanti turisti, in particolare stranieri.

Il ramo del Lago di Lecco dispone di un maggior numero di spiagge libere, alcune molto affascinanti.

Le spiagge più belle del Lago di Como sono a Lierna, Varenna, Ossuccio, San Siro, Candenabria, Griante, Mandello del Lario, Bellano, Onno, Vasenna e il Lido di Argegno.

Cosa mangiare sul lago di Como?

La cucina del Lago di Como unisce i sapori legati al pescato del Lago a quelli tipici della montagna, con una buona varietà di ricette e prodotti.

Tra i piatti di pesce non può mancare il Misultin, piatto a base di Agone, un pesce essiccato tipico del Lago servito con la polenta, o il fritto misto di lago fatto filetti di persico, alborelle fritte e lavarello; il risotto di pesce persico e il tipico pesce in carpione marinato.

Misultin

Passando ai piatti di montagna la polenta è la regina della tavola, arricchita nei modi più disparati come il Toc di Bellagio, con formaggio, burro e aglio o la polenta taragna.

Sul Lago di Como si possono assaggiare numerosi latticini e formaggi tra cui il celebre taleggio e burro di grande qualità, oltre a formaggelle, ricotte e ottimi caprini, , ottim. Non mancano i salumi e piatti di carne, tipici delle zone di alta quota.

Potrai assaggiare la cassouela, il regionale lombardo, preparato con maiale e verza, la ristisciada, maiale cotto con la cipolla, la famosa polenta e uccelli e i coteccoti con fagioli. Ad accompagnare ogni portata degli ottimi vini bianchi e rossi provenienti dalla colline lombarde e da altre regioni del nord Italia.

Notevole anche la tradizione pasticcera, che unisce i tipici dolci lombardi con dolci particolari nei diversi centri del Lago di Como tra cui il masigott, un dolce rustico e friabile con all’intero uvette, pinoli e arancia candita, e la miascia, una torta di pere, mele, uvette, pinoli e pane stantio.

Non ti resta che raggiungere il lago e gustarlo in tutte le sue delizie.

Leggi Anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *